TOC

This article has been localized into Italian by the community.

Per iniziare:

Ciao, mondo spiegato

Nel precedente capitolo, abbiamo provato a scrivere una parte di testo sulla console, nella nostra prima applicazione con C#. Per vedere alcuni progressi effettivi, non abbiamo approfondito le linee di codice che abbiamo usato, quindi questo capitolo è una spiegazione del codice di esempio Hello world. Come puoi probabilmente vedere dal codice, alcune linee sembrano simili, quindi le riporteremo in gruppi per una spiegazione individuale. Iniziamo con i caratteri più brevi e comuni nel nostro codice: La {e}. Sono spesso indicati come parentesi graffe e in C#, indicano l'inizio e la fine di un blocco logico di codice. Le parentesi graffe vengono utilizzate in molti altri linguaggi, tra cui C++, Java, JavaScript e molti altri. Come puoi vedere nel codice, sono usati per racchiudere diverse righe di codice che appartengono insieme. Negli esempi successivi, sarà più chiaro come vengono utilizzati.

Ora partiamo dall'inizio:

using System;
using System.Collections.Generic;
using System.Linq;
using System.Text;
using System.Threading.Tasks;

using è una parola chiave, evidenziata in blu dall'editor. La parola chiave using importa un namespace, e un namespace è una collezione di classi. Le classi ci portano una sorta di funzionalità, e quando si lavora con un IDE avanzato come Visual Studio, di solito creiamo per noi parti del codice triviale. In questo caso, ha creato una classe per noi e ha importato i namespace che sono richiesti o previsti per essere usati comunemente. In questo caso, per noi vengono importati 5 namespace, ciascuno contenente un sacco di classi utili. Ad esempio, usiamo la classe Console, che fa parte del namespace System.

D'altro canto, in realtà non usiamo per es. lo spacename System.Linq ancora, quindi se sei un purista, puoi scegliere di rimuovere questa linea, ma a questo punto non farà molta differenza.

Come puoi vedere, abbiamo persino il nostro namespace:

namespace ConsoleApp1

Lo spacename ConsoleApp1 è ora lo spacename principale per questa applicazione e le nuove classi ne faranno parte di default. Ovviamente, puoi cambiarlo e creare classi in un altro spacename. In tal caso, dovrai importare questo nuovo spacename per utilizzarlo nella tua applicazione, con l'istruzione using, come qualsiasi altro spacename.

Successivamente, definiamo la nostra classe. Poiché C# è veramente un linguaggio orientato agli oggetti, ogni riga di codice che fa effettivamente qualcosa, è racchiusa all'interno di una classe. Nel caso, la classe viene semplicemente chiamata Program:

class Program

Possiamo avere più classi, anche nello stesso file. Per ora abbiamo bisogno solo di una classe. Una classe può contenere diverse variabili, proprietà e metodi, concetti che approfondiremo in seguito. Per ora, tutto ciò che devi sapere è che la nostra classe attuale contiene solo un metodo e nient'altro. È dichiarato in questo modo:

static void Main(string[] args)

Questa linea è probabilmente la più complicata in questo esempio, quindi dividiamola un po '. La prima parola è static. La parola chiave static ci dice che questo metodo dovrebbe essere accessibile senza istanziare la classe, ma ne parleremo di più su questo nel nostro capitolo sulle classi.

La prossima parola chiave è void e ci dice che cosa dovrebbe restituire questo metodo. Ad esempio, potrebbe essere un numero intero o una stringa di testo, ma in questo caso, non vogliamo che il nostro metodo restituisca nulla (C# utilizza la parola chiave void per esprimere il concetto di niente).

La parola successiva è Main, che è semplicemente il nome del nostro metodo. Questo metodo è il cosiddetto punto di ingresso della nostra applicazione, cioè il primo pezzo di codice da eseguire, e nel nostro esempio, l'unico pezzo da eseguire.

Ora, dopo il nome di un metodo, è possibile specificare una serie di argomenti all'interno di un insieme di parentesi. Nel nostro esempio, il nostro metodo accetta un solo argomento, chiamato args. Il tipo dell'argomento è una string o, per essere più precisi, una serie di stringhe, ma ne riparleremo più avanti. Se ci pensate, questo ha perfettamente senso, dal momento che le applicazioni Windows possono sempre essere chiamate con un set opzionale di argomenti. Questi argomenti verranno passati come stringhe di testo al nostro metodo principale.

E questo è tutto. Ora dovresti avere una conoscenza base della nostra prima applicazione in C#, così come i principi base su ciò che fa funzionare un'applicazione per console.

This article has been fully translated into the following languages: Is your preferred language not on the list? Click here to help us translate this article into your language!